La Corea del Nord raddoppia il numero degli hacker di Stato
Cyber

La Corea del Nord raddoppia il numero degli hacker di Stato

Secondo una fonte militare sud-coreana, ripresa da Korea Times, la Corea del Nord avrebbe raddoppiato il numero di “cyber guerrieri” di elite, portandoli da 3000 a circa 5900.

“The communist country operates a hacking unit under its General Bureau of Reconnaissance, which is home to some 1,200 professional hackers,” he said, noting that they have been carrying out cyberattacks by establishing overseas bases in countries such as China.

While the United States has about 80,000 people in its cyberoperations units, North Korea outnumbers both the U.S. and Japan in terms of the number of elite hackers, another source said. The U.S. has 900, while Japan has 90, according to the source.
Experts say the communist country has been trying to boost its cyberwarfare capabilities as part of its unconventional arsenal.

Articolo completo su Korea Times.

Luca Sambucci

Luca Sambucci lavora nel settore della sicurezza informatica dal 1991, occupandosi di malware e sistemi di difesa informatica. È stato consulente del Ministro delle Comunicazioni su aspetti di sicurezza delle reti e ha collaborato sui medesimi temi con Telespazio (gruppo Finmeccanica) e Fondazione Ugo Bordoni. Si occupa di nuove tecnologie, malware e cyber warfare, è risk analyst certificato NSA e membro dell'Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche. È Operations Manager di ESET Italia.

No Comments

comment No comments yet

You can be first to leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *