Esercitazioni NATO: i soldati britannici lasciano smartphone e tablet a casa per evitare lo spionaggio nemico
Cyber

Esercitazioni NATO: i soldati britannici lasciano smartphone e tablet a casa per evitare lo spionaggio nemico

Nei giorni scorsi si sono tenute in territorio polacco le esercitazioni militari NATO denominate Exercise Black Eagle. A queste esercitazioni hanno preso parte anche 1.350 soldati britannici, i quali prima di partire hanno ricevuto l’ordine di lasciare a casa qualsiasi dispositivo tecnologico di natura personale, come smartphone, tablet, notebook e laptop.

I servizi di sicurezza di Sua Maestà, d’accordo con esperti di intelligence militare, hanno giudicato troppo alto il rischio di attacchi informatici provenienti da hacker russi. Gli oltre mille appartenenti alle forze armate britanniche dislocati in Polonia, ognuno di essi presumibilmente con un device di comunicazione più o meno protetto, avrebbero probabilmente fatto gola ai servizi segreti di Mosca o dei suoi alleati.

In una newsletter interna il Tenente Colonnello Justin Kingsford ha dichiarato che vi era un rischio di contro-spionaggio “molto chiaro ed evidente” e che, nonostante l’ordine di dover lasciare a casa smartphone e tablet abbia reso un po’ più difficile il contatto con le famiglie, qualche settimana senza Wi-Fi è stata salutare per tutti.

Fonte:
http://www.telegraph.co.uk/news/worldnews/europe/russia/11241115/Russian-spy-threat-to-troops-phones-and-computers.html

Luca Sambucci

<p>Luca Sambucci lavora nel settore della sicurezza informatica dal 1991, occupandosi di malware e sistemi di difesa informatica. È stato consulente del Ministro delle Comunicazioni su aspetti di sicurezza delle reti e ha collaborato sui medesimi temi con Telespazio (gruppo Finmeccanica) e Fondazione Ugo Bordoni. Si occupa di nuove tecnologie, malware e cyber warfare, è risk analyst certificato NSA e membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche. È Operations Manager di ESET Italia.</p>

No Comments

comment No comments yet

You can be first to leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *