Fonti USA: il contingente russo arrivato in Venezuela include esperti di cybersecurity

Nei giorni scorsi la Russia ha inviato in Venezuela, nel ben noto quadro di instabilità politica, un contingente militare di quasi 100 persone.

Durante il week-end sono atterrati a Caracas due aerei militari russi, e attualmente l’unica informazione ufficiale è che l’operazione è stata autorizzata dal presidente Maduro.

Secondo fonti governative USA, il contingente russo è composto non solo da forze speciali, ma anche da esperti di cybersecurity. Secondo la fonte, che intende restare anonima, questo fa pensare che Maduro voglia blindare i network governativi da interferenze straniere, oltre che aumentare la sorveglianza dei dissidenti attraverso la rete e i telefoni cellulari.

Per saperne di più: Russian Deployment in Venezuela Includes ‘Cybersecurity Personnel’: U.S. Official

Ho iniziato a interessarmi di cybersecurity dal 1989, quando ho "trovato" il mio primo virus. Dal 1992 me ne occupo professionalmente: per oltre un decennio come collaboratore di testate specializzate (fra cui PC Professionale), poi come consulente del Ministro delle Comunicazioni su aspetti di sicurezza delle reti, quindi con collaborazioni sui medesimi temi con Telespazio (gruppo Finmeccanica). Oggi mi interesso di nuove tecnologie (AI) e cyber warfare. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC) e della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI). Dal 2006 lavoro presso ESET Italia, dove ricopro il ruolo di Operations Manager.