La marina russa adotta un’arma che induce nausea e allucinazioni

La marina russa ha installato su due fregate (la Ammiraglio Gorshkov e la Ammiraglio Kasatonov) un’arma non letale che può indurre nausea, conati di vomito e allucinazioni.

Il 5P-42 Filin, prodotto dall’azienda di stato Ruselectronics, è un dispositivo di interferenza ottica e serve – fra le altre cose – a impedire a un ipotetico nemico di prendere la mira di un obiettivo.

Usato durante il crepuscolo e di notte, il Filin (“gufo reale” in russo) emette fasci di luce di un’intensità e frequenza tali da disorientare gli avversari. Metà delle persone che lo hanno testato ha riportato segni di nausea e confusione, mentre un quinto di loro ha riportato limitate allucinazioni.

L’arma consentirebbe anche di interferire con l’elettronica che opera nello spettro visibile, inclusi i telemetri a infrarossi, i visori notturni e i lanciatori di missili anticarro in un raggio di 5 chilometri.

Per maggiori informazioni: The Russian Navy Is Fitting Ships with Barf-Inducing Lights

Ho iniziato a interessarmi di cybersecurity dal 1989, quando ho "trovato" il mio primo virus. Dal 1992 me ne occupo professionalmente: per oltre un decennio come collaboratore di testate specializzate (fra cui PC Professionale), poi come consulente del Ministro delle Comunicazioni su aspetti di sicurezza delle reti, quindi con collaborazioni sui medesimi temi con Telespazio (gruppo Finmeccanica). Oggi mi interesso di nuove tecnologie (AI) e cyber warfare. Sono socio fondatore del chapter italiano di Internet Society, membro dell’Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche (AIIC) e della Association for the Advancement of Artificial Intelligence (AAAI). Dal 2006 lavoro presso ESET Italia, dove ricopro il ruolo di Operations Manager.