Schneier: chi sta provando a “spegnere” Internet?
Cyber

Schneier: chi sta provando a “spegnere” Internet?

Il noto esperto di cyber security Bruce Schneier ha lanciato l’allarme dal blog Lawfare: qualcuno potrebbe essere in procinto di “buttare giù Internet” (o perlomeno di arrivare al punto di avere i mezzi e le capacità tecniche per farlo).

Alcune delle grandi aziende che gestiscono l’infrastruttura alla base di Internet hanno visto un intensificarsi di attacchi DDoS svolti con modalità insolite. Anzitutto l’intensità molto superiore rispetto a quella che normalmente tali aziende si trovano ad affrontare, così come la durata e il livello di complessità. Inoltre, l’intensità pare venga modulata ad hoc per trovare il punto di rottura nelle difese dell’azienda: l’attacco inizia prima a un certo livello di forza, dopodiché viene gradualmente elevato prima di terminare. La settimana dopo l’attacco riprende dal punto di prima e continua ad aumentare per poi interrompersi nuovamente. E così via, alla ricerca dell’intensità necessaria.

Come se non bastasse, riporta sempre Schneier, gli attacchi DDoS vengono lanciati usando simultaneamente tre o quattro vettori differenti (generalmente ne basterebbe uno). Quando ciò accade l’azienda sotto attacco deve attivare in fretta tutte le sue difese, mostrando quindi all’avversario i vari metodi di protezione che adotta, scoprendo in un solo colpo tutte le sue carte.

Sembra inoltre che gli attacchi subìti da una delle aziende colpite avessero lo scopo di testare la possibilità di manipolare route e indirizzi Internet, valutando i tempi di risposta dei sistemi di difesa.

Schneier non fa nomi perché ha raccolto queste testimonianze da fonti che preferiscono restare anonime, ma la stessa Verisign (che gestisce due dei tredici root nameserver, nonché il registro per i domini .com e .net) nel suo ultimo rapporto trimestrale sui DDoS indica come nel secondo trimestre del 2016 gli attacchi siano diventati sempre più frequenti, persistenti e complessi.

Va da sé che tutti i nodi strategici di Internet sono sempre sotto attacco, questo è scontato, ma è la complessità e la peculiarità di questa nuova ondata di attacchi che fa pensare a una regia più sofisticata rispetto al passato.

A questo punto, in mancanza di ulteriori informazioni, possiamo solo speculare su chi si nasconda dietro questi attacchi mirati alle “infrastrutture critiche” di Internet. Schneier afferma che i dati suggeriscono un coinvolgimento della Cina, ma ovviamente non ci si può fermare alla superficie, visto che il rischio di un false flag è sempre dietro l’angolo. Eppure la vastità e la complessità degli attacchi, nonché la loro chiara natura “recon”, suggeriscono che alla base ci sia uno Stato piuttosto che un qualsiasi gruppo criminale.

E se mai vi riuscisse (“buttare giù” Internet è un’operazione tutt’altro che facile, forse addirittura impossibile) cosa se ne fa uno Stato della capacità di “spegnere Internet”? Questo lo lasciamo alla vostra immaginazione.

Luca Sambucci

Luca Sambucci lavora nel settore della sicurezza informatica dal 1991, occupandosi di malware e sistemi di difesa informatica. È stato consulente del Ministro delle Comunicazioni su aspetti di sicurezza delle reti e ha collaborato sui medesimi temi con Telespazio (gruppo Finmeccanica) e Fondazione Ugo Bordoni. Si occupa di nuove tecnologie, malware e cyber warfare, è risk analyst certificato NSA e membro dell'Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche. È Operations Manager di ESET Italia.

No Comments

comment No comments yet

You can be first to leave a comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *